Cézanne a Palazzo Strozzi

A Firenze molte opere importanti

I capolavori di Cézanne che, circa un secolo fa, erano parte integrante delle collezioni custodite nelle case fiorentine di due giovani collezionisti, Egisto Paolo Fabbri e Charles Loeser, tornano nel capoluogo toscano per la mostra Cézanne a Firenze, aperta fino al 29 luglio a Palazzo Strozzi, un’ occasione unica per ammirare uno di fianco all’altro decine di capolavori del grande pittore altrimenti dispersi ai quattro angoli del globo.

mostra-2.jpg

Oggi queste opere si trovano, infatti, nei più importanti musei del mondo tra cui il Metropolitan Museum of Art di New York, la National Gallery di Londra, il Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo, la National Gallery of Art di Washington, la Galleria degli Uffizi di Firenze e in collezioni private come la Thyssen-Bornemisza Collections. Tra Ottocento e Novecento, Fabbri e Loeser raccolsero circa 50 dipinti del maestro di Aix, contribuendo all’affermazione di un artista sperimentale e solitario, disprezzato in vita dalla grande critica, ma oggi venerato come padre della pittura moderna.

 

Posta sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica, l’esposizione è promossa, progettata e prodotta dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e realizzata dalla Fondazione Strozzi. I curatori sono Francesca Bardazzi, nota studiosa del collezionismo di Cézanne in Italia, e Carlo Sisi, già direttore a Palazzo Pitti della Galleria d’Arte Moderna, uno dei massimi esperti del periodo.

Sono oltre venti i Cézanne in mostra, tra cui i celebri “Lamostra3.jpg signora Cézanne sulla poltrona rossa”, “Casa sulla Marna” (eccezionalmente prestata dalla Casa Bianca), “Frutteto”, “Le Bagnanti” e la “Cena in casa di Simone”, copia giovanile dell’omonima opera di Paolo Veronese, scomparsa dal 1945 e ora ritrovata dalla curatrice. Intorno a questo nucleo sono esposte numerose tele di Pissarro, Van Gogh, Matisse, Sargent, Denis, Cassatt, Weir, La Farge, artisti europei e americani con i quali soprattutto Fabbri era in contatto. Importante, come riferimento, anche la presenza di contemporanei italiani: Fattori, Gordigiani, Soffici, Andreotti, Rosso, Ghiglia, Rosai e altri ancora. La mostra offre così la possibilità di riscontrare come la sensibilità e l’attenzione alla modernità siano cresciute e maturate in un contesto culturale fortemente marcato dal Rinascimento, e rivivere il clima culturale e artistico che si respirava tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento a Firenze.

 

Cézanne a Firenze
Fino al 29 luglio 2007
Firenze – Palazzo Strozzi
Orario: tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 20;
giovedì dalle ore 9 alle ore 23
Accesso consentito fino a un’ora prima dell’orario di chiusura
Biglietti: intero € 10,00; ridotto € 8,50
Catalogo: Electa

Annunci

1 Response so far »

  1. 1

    dabpensiero said,

    Grazie dell’informazione. Quest’estate saro’ in Toscana e quindi non manchero’ di visitare la mostra. Ciao Daniela


Comment RSS · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: